Visitatori: 3424385
 
 
 
 
 
Fondo impresa donna, firmato decreto interministeriale: 40 milioni per imprenditoria femminile
Leggi tutto...
 
L.R. 5/57 annualità 2021: posticipati i termini per le spese ancora da effettuare
Leggi tutto...
 
Cooperative sociali nuove aderenti – Percorso di coinvolgimento e ascolto
Leggi tutto...
 
Potenziamento economico Cooperative L.R. 5/57 anno 2021proroga al 15 aprile per l’invio delle domand
Leggi tutto...
 
Decreto Legge “Sostegni” misure di aiuto alle imprese emergenza Covid-19
Leggi tutto...
 
Bando Isi Inail 2020
Leggi tutto...
 
L.r.5/57 annualità 2021 - Pubblicate le disposizioni attuative
Leggi tutto...
 
Bilancio sociale: Legacoopsociali lancia la piattaforma digitale Iscoop
Leggi tutto...
 
Avviso Pubblico L.I.B.E.R.I.(Lavoro, Inserimento, Bilancio di competenze, Esperienza
Leggi tutto...
 
Servizi per l’infanzia – Avviso “Primi Passi”
Leggi tutto...
 
Approvata concessione contributi per il potenziamento economico delle Cooperative, L.R. 5/57, 2020
Leggi tutto...
 
EMERGENZA CORONAVIRUS - AGGIORNAMENTI
Leggi tutto...
 
Firmato il rinnovo del contratto nazionale delle cooperative sociali
Leggi tutto...
 
CAP – Centri Assistenza Pesca: apertura sportelli
Leggi tutto...
 
 
 
 
 
 
siniscola.jpg
 
 
 
 
 
 
Advertisement
 
 
 
 
 
Fondo impresa donna, firmato decreto interministeriale: 40 milioni per imprenditoria femminile

Firmato dal ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti, da quello dell’Economia Daniele Franco e dalla titolare delle Pari opportunità Elena Bonetti il decreto interministeriale che istituisce il Fondo Impresa Donna e che è stato trasmesso alla Corte dei Conti per la registrazione e poi sarà pubblicato sulla Gazzetta ufficiale (testo non ancora disponibile). A renderlo noto un comunicato stampa pubblicato sul sito del MISE.

Il provvedimento si pone l’obiettivo di rafforzare gli investimenti e i servizi a sostegno dell’imprenditorialità femminile, supportando l’avvio di nuove attività imprenditoriali e la realizzazione di progetti innovativi attraverso contributi a fondo perduto e finanziamenti agevolati. Sono destinati a questo proposito 40 milioni di euro iniziali a cui si aggiungeranno le risorse del Piano nazionale di ripresa e resilienza che ammontano a 400 milioni di euro. I settori per i quali si può presentare domanda sono: industria, artigianato, trasformazione dei prodotti agricoli, dei servizi, del commercio e del turismo.

Secondo quanto anticipato dai media, gli aiuti previsti dal provvedimento dovrebbero rivolgersi a quattro categorie di beneficiari:

  • cooperative e società di persone con ameno il 60% di donne socie;
  • società di capitale con quote e componenti del cda per almeno due terzi di donne;
  • imprese individuali la cui titolare è una donna;
  • lavoratrici autonome.

Sarebbero ammesse attività nei settori dell’industria, dell’artigianato, della trasformazione dei prodotti agricoli, dei servizi, del commercio e del turismo con programmi di investimento da realizzare entro due anni il cui tetto di spese ammissibili è fissato a:

  • 250mila euro per le nuove imprese;
  • 400mila per quelle già esistenti.
 
Pros. >