Registrazione






Password dimenticata?
Nessun account? Registrati
Visitatori: 2159545
 
 
 
 
 
Isforcoop – Assegni formativi programma LavoRas
Leggi tutto...
 
Assemblea regionale Generazioni Legacoop
Leggi tutto...
 
IL NUOVO REGOLAMENTO EUROPEO 679/2016 SULLA PROTEZIONE DEI DATI
Leggi tutto...
 
CAP – Centri Assistenza Pesca: apertura sportelli
Leggi tutto...
 
Vinitaly 2018: concessione degli aiuti
Leggi tutto...
 
Avviso pubblico attivazione progetti di tirocinio
Leggi tutto...
 
Accreditamento fornitori di servizi sociali - PROROGA Comune di Nuoro
Leggi tutto...
 
Contributi per il potenziamento economico delle cooperative 2017
Leggi tutto...
 
“Fondo per lo sviluppo del sistema Cooperativistico”, al via le domande
Leggi tutto...
 
Per le coop sociali l'aliquota ridotta sale al 5%
Leggi tutto...
 
 
 
 
 
 
macomer.jpg
 
 
 
 
 
 
Advertisement
 
 
 
 
 
Nuovi modi di abitare, nuove funzioni: le sfide per le coop Abitanti
– DAR=CASA è una cooperativa di abitanti a proprietà indivisa. Fin dalla sua nascita negli anni ’90 si è impegnata nel recupero di patrimonio abitativo non utilizzato, rimettendo in circolo, con risorse proprie, un numero importante di appartamenti di proprietà pubblica non assegnabili perché troppo piccoli. Nel corso degli anni ha anche aderito a programmi complessi di rigenerazione urbana in partnership con altri soggetti, realizzando ex-novo alloggi di qualità.

Sia attraverso la differenziazione della propria offerta, che tramite l’osservazione e lo studio dei cambiamenti della domanda, DAR=CASA è venuta a contatto con nuovi e diversi bisogni abitativi, che l’hanno portata a consolidare la sua azione a favore di diversi gruppi sociali.

Tra gli inquilini a cui la cooperativa assegna un appartamento ci sono i soci “classici”, che si iscrivono alla lista di prenotazione e attendono il proprio turno per un’assegnazione in godimento; ci sono poi i nuclei familiari che partecipano a specifici avvisi pubblici e si associano alla cooperativa una volta individuato l’appartamento a loro idoneo; da qualche tempo ci sono anche i giovani con lavori precari che possono usufruire di una soluzione abitativa temporanea a basso costo; e ci sono le famiglie in emergenza abitativa, segnalate dal Comune, in attesa dell’assegnazione di una casa ERP.

Il progetto di social housing “ViVi Voltri” è un esempio di questa eterogeneità della domanda di casa sociale.

A “ViVi Voltri” nel quartiere Barona, da poco più di un anno DAR gestisce 113 alloggi in locazione a canone sociale e moderato. L’intervento fa parte di un P.I.I. che ha previsto la costruzione di ulteriori 200 appartamenti in vendita convenzionata e di servizi per gli abitanti e il quartiere. L’intervento rientra nel Sistema Integrato dei Fondi e fa capo a Torre SGR S.p.a. DAR=CASA ha stipulato con la proprietà un contratto di locazione venticinquennale riguardante esclusivamente il comprato dell’affitto con la formula vuoto per pieno. La cooperativa svolge un servizio di gestione sociale che integra le funzioni di facility e property management e di accompagnamento sociale; è direttamente responsabile della manutenzione ordinaria degli immobili, del recupero e della gestione della morosità.

Metà degli alloggi è destinata alla locazione a canone sociale, cioè a favore di nuclei familiari presenti nella graduatoria di E.R.P. dei Comuni firmatari della Convenzione (Milano, Corsico e Cesano Boscone). Le famiglie selezionate hanno stipulato un contratto di locazione con la cooperativa e pagano un canone sociale, cioè commisurato alla loro situazione economica. L’altra metà è rivolta a nuclei familiari che corrispondono un canone moderato perché possono sostenere un affitto più alto, ma fanno comunque fatica a sostenere i costi del mercato abitativo privato. Queste persone e famiglie sono state selezionate da DAR=CASA attraverso quattro avvisi pubblici in cui sono stati specificati i requisiti di accesso e le condizioni familiari e abitative a cui veniva assegnata una priorità. In particolare, la cooperativa ha deciso di favorire l’inserimento di famiglie e single giovani, con o senza figli a carico, per contribuire a diversificare la composizione della popolazione del quartiere, caratterizzato da una rilevante presenza di anziani.

L’esito della selezione e l’incrocio delle domande con le tipologie di alloggi disponibili hanno portato alla seguente distribuzione delle famiglie residenti : la maggior parte dei nuclei familiari è composta da coppie con figli (3/4 componenti). ; l’altra parte si distribuisce tra persone sole, persone sole con figli e coppie. La composizione delle famiglie per provenienza nazionale è molto eterogenea: sono presenti 19 nazionalità diverse, il 50% delle famiglie è italiana, l’altra metà arriva da 18 paesi diversi.

DAR=CASA ha preso in consegna gli immobili da Torre SGR S.p.a. a settembre 2016. La cooperativa ha provveduto ad avviare tutti gli impianti e a stipulare i contratti di servizio e manutenzione ordinaria, rendendo così possibile l’ingresso delle famiglie a partire da novembre 2016, in maniera scaglionata fino ad aprile 2017. I futuri inquilini sono stati accompagnati all’ingresso nelle nuove case: ad ogni nucleo familiare sono stati spiegati i contenuti e le condizioni del contratto e le caratteristiche tecniche degli appartamenti. I futuri inquilini hanno ricevuto le “Regole per la convivenza”, che riportano le indicazioni di comportamento per il corretto utilizzo dell’alloggio e degli spazi comuni, e una mappatura dei servizi del quartiere per facilitare la conoscenza da parte delle famiglie provenienti da altri comuni/zone della città.

Una volta trasferite nei nuovi appartamenti, DAR=CASA ha avviato un lavoro con le famiglie per facilitare la conoscenza reciproca. La presenza di uno spazio comune a piano terra, dedicato alla socialità degli abitanti, è una risorsa essenziale a questo fine. Il personale della cooperativa tiene aperto lo spazio un pomeriggio a settimana, durante il quale svolge funzioni di front-office, garantisce uno spazio di gioco libero per i numerosi bambini e un luogo di incontro e ritrovo informale per gli adulti. Quattro volte a settimana nello spazio comune alcuni volontari aiutano gli studenti delle elementari e delle medie che abitano a “ViviVoltri” a fare i compiti e tre volte a settimana nello spazio si svolgono lezioni di zumba per donne, condotte dall’associazione Dar El Kalimat. Tutte queste attività, avviate col supporto della cooperativa a partire dai bisogni e desideri espressi dagli abitanti, hanno la finalità di favorire l’incontro di creare occasioni per sviluppare relazioni di fiducia tra vicini di casa.

Gli abitanti hanno anche la possibilità di affittare lo spazio per feste private a prezzi contenuti. I soldi così raccolti dalla cooperativa vengono utilizzati per finanziare attività collettive e per sostenere migliorie dello spazio.

Sempre a piano terra, su fronte strada, si trova un altro spazio comune che, invece, è stato oggetto di un contest tra aprile e maggio 2017 per l’assegnazione ad una organizzazione del territorio che proponesse attività aperte alla cittadinanza. Lo spazio è stato affidato alla Cooperativa Spazio Aperto Servizi, che ha iniziato l’attività a novembre 2017. Il Vivi Voltri Lab è uno spazio per le famiglie e i cittadini di tutto il quartiere, in cui potersi incontrare, conoscere, confrontare e avere accesso a servizi utili per semplificare la vita di tutti i giorni; uno spazio per favorire la partecipazione e l’attivazione degli abitanti della zona in una logica interculturale e intergenerazionale, in cui la parola d’ordine è integrazione.

Per documentare la fase di avvio del progetto, DAR=CASA ha realizzato un video che racconta l’esperienza dell’assegnazione degli alloggi attraverso la narrazione del trasloco di due famiglie. Le telecamere hanno seguito le due famiglie, a partire dalla loro abitazione di provenienza fino al trasloco nella nuova casa. Abbiamo poi voluto documentare la festa d’inaugurazione che c’è stata in aprile 2017, insieme ai nuovi abitanti. Il video è stato realizzato da Elia Rollier e Luca Cusani

 
< Prec.   Pros. >
 
 
 
 
 

Concorso CoopE'