Registrazione






Password dimenticata?
Nessun account? Registrati
Visitatori: 1813941
 
 
 
 
 
CAP – Centri Assistenza Pesca: apertura sportelli
Leggi tutto...
 
Vinitaly 2018: concessione degli aiuti
Leggi tutto...
 
Albo Regionale delle Cooperative Sociali
Leggi tutto...
 
Avviso pubblico attivazione progetti di tirocinio
Leggi tutto...
 
Accreditamento fornitori di servizi sociali - PROROGA Comune di Nuoro
Leggi tutto...
 
Contributi per il potenziamento economico delle cooperative 2017
Leggi tutto...
 
“Fondo per lo sviluppo del sistema Cooperativistico”, al via le domande
Leggi tutto...
 
Per le coop sociali l'aliquota ridotta sale al 5%
Leggi tutto...
 
 
 
 
 
 
ilbono.jpg
 
 
 
 
 
 
Advertisement
 
 
 
 
 
Coopfond, nuove coop in otto regioni con il progetto “Resto al Sud”
Coopfond sostiene lo sforzo del Coordinamento delle regioni meridionali Legacoop (Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia) per promuovere la costituzione di cooperative tra giovani che beneficino degli incentivi previsti dal programma del Governo “Resto al Sud”, gestita da Invitalia, riservati a ragazzi e ragazze di età compresa tra i 18 e i 35 anni.
 
Attraverso le misure previste dal bando governativo è possibile avviare attività di produzione di beni e servizi, ad esclusione delle attività libero professionali e del commercio. Ogni richiedente può ricevere un finanziamento massimo di 50 mila euro e, nel caso in cui la richiesta arrivi da più persone, anche in cooperativa (costituita dopo il 21 giugno 2017 o costituenda), il finanziamento può arrivare fino a 200 mila euro. Le agevolazioni sono concesse a titolo di contributo a fondo perduto, garanzia sul prestito e in conto interessi.
 
L’aiuto di Coopfond si realizza in due direzioni, secondo il modello sperimentato con il progetto Coopstartup. Da una parte il Fondo sosterrà con un contributo a fondo perduto l’attività di promozione e coordinamento che sarà messa in campo dalle associazioni regionali, per favorire la partecipazione dei giovani a “Resto al Sud”.
 
Le cooperative che si costituiranno potranno accedere agli interventi ordinari del Fondo, a partire da un contributo a fondo perduto per le spese di costituzione ed avvio, che non rientrano tra quelle ammissibili per i contributi del progetto governativo.Il Consiglio di amministrazione ha deciso che tutto il progetto sarà coordinato da un gruppo di lavoro composto da un rappresentante delle associazioni regionali di Legacoop al sud, uno di Legacoop nazionale ed uno di Coopfond.  
 
Il Consiglio del Fondo mutualistico ha altresì sottolineato l’importanza che le singole Legacoop meridionali si accreditino presso Invitalia (attraverso il sito) per il servizio di assistenza tecnica per “Resto al Sud”.
 
< Prec.   Pros. >
 
 
 
 
 

 

SPORTELLO ACQUISTI IN RETE PA