Registrazione






Password dimenticata?
Nessun account? Registrati
Visitatori: 1695996
 
 
 
 
 
Assemblea congressuale regionale Cooperative sociali 10 Novembre
Leggi tutto...
 
Albo Regionale delle Cooperative Sociali
Leggi tutto...
 
Avviso pubblico attivazione progetti di tirocinio
Leggi tutto...
 
Accreditamento fornitori di servizi sociali - PROROGA Comune di Nuoro
Leggi tutto...
 
Contributi per il potenziamento economico delle cooperative 2017
Leggi tutto...
 
Inaugurazione mostra Grazia Deledda presso la Camera dei Deputati
Leggi tutto...
 
Incentivi Occupazione Sud
Leggi tutto...
 
Diritto annuale 2017 | aggiornamento importi
Leggi tutto...
 
“Fondo per lo sviluppo del sistema Cooperativistico”, al via le domande
Leggi tutto...
 
Programma di formazione per il rafforzamento delle capacità delle Imprese Cooperative
Leggi tutto...
 
Per le coop sociali l'aliquota ridotta sale al 5%
Leggi tutto...
 
 
 
 
 
 
posada.jpg
 
 
 
 
 
 
Advertisement
 
 
 
 
 
Lusetti dopo le sentenze su CPL: “Cooperative assolte, ma il danno è fatto”
 
“Cooperative assolte. Ma il danno è fatto”. È questo il titolo dell’intervento del presidente Mauro Lusetti pubblicato dal numero di “Panorama” in edicola questa settimana.
 
Cinquanta righe per una riflessione a tutto campo dopo le ultime sentenze che hanno visto a Roma condannare gli imputati e riconoscere la cooperazione tra le loro vittime e in altri casi assolvere una cooperativa che dalle accuse ricevute ha nel frattempo subito un danno gravissimo.
 
“La sentenza del Tribunale – spiega Lusetti riferendosi al processo cosiddetto Mafia Capitale – ci ha restituito onore e dignità. Perché insieme alla colpevolezza degli incriminati ha riconosciuto come la cooperazione sociale sia stata tra le vittime delle loro azioni. Di questo siamo soddisfatti: centinaia di migliaia di cooperatori che ogni giorno si impegnano per la coesione del Paese e per un lavoro dignitoso contro ogni forma di illegalità, hanno avuto il riconoscimento della loro onestà”.
 
Negli stessi giorni CPL è stata assolta da due giudici diversi in due città diverse: “Non solo non è stato rinviato a giudizio nessuno – ricorda il presidente – ma gli indagati e la cooperativa sono stati prosciolti perché il fatto non sussiste! Ma chi pagherà mai i danni economici, reputazionali e di immaginebdi questo caso? L’avvio dell’inchiesta giudiziaria per CPL Concordia ha comportato una perdita di ordini e fatturato.
 
Il giro d’affari è passato da 350 milioni di € del 2014 a 227 milioni del 2016; senza contare poi l’interdizione a partecipare a gare pubbliche”.“Noi non rinunciamo, per questo, a continuare a ribadire la nostra fiducia nella Magistraure e continueremo a “fare i compiti a casa” ogni qualvolta si manifestasse un sospetto di malaffare su di noi o su una nostra impresa.
 
Ci piacerebbe però che tutti riflettessero sulla necessità di fare ognuno, i propri compiti a casa”. Perché “la fiducia nelle azioni di tutti gli attori economici, istituzionali e sociali si alimenta, anche con comportamenti ed atti quotidiani indiscutibili”.
 
< Prec.   Pros. >
 
 
 
 
 

 

SPORTELLO ACQUISTI IN RETE PA